maremma .name

Sovana

La città del tufo di Sovana

Sovana è un piccolo abitato sito nel comune di Sorano da cui dista solo 9,5 km.

Pitigliano è ancora più vicino essendo a soli 7,7 km.

Sovana vista dalla Tomba Ildebranda Sovana


Sovana oggi è conosciuta per le sue imponenti necropoli Etrusche e per le due belle chiese ivi presenti.

La scarsa antropizzazione del luogo ha permesso che quasi tutto il patrimonio Etrusco arrivasse fino a noi.

Per questo qui si trovano due delle tombe più importanti dell'Etruria: la Tomba Ildebranda e la Tomba della Sirena.

Sovana la Tomba Ildebranda

la Tomba Ildebranda


Sovana Tomba della Sirena

la Tomba della Sirena

Entrambe le tombe con le rispettive necropoli sono visitabili a pagamento con un biglietto comulativo.

La Rocca Aldobrandesca di Sovana


La forma della attuale Sovana (che è praticamente immutata dal XI secolo) la si deve alla famiglia dei Conti Aldobrandeschi, che, sopra le mura etrusche, fece edificare, intorno all'anno mille, la Rocca, sede della loro contea e che ancora oggi si vede.

Da segnalare che Sovana diede i natali nel 1020 ad Ildebrando Aldobrandeschi di Sovana, divenuto poi papa San Gregorio VII nel 1073 e morto a Salerno il 25 maggio 1085.

Il nome di Tomba Ildebranda è stato dato, in epoca recente, per ricordare il Santo.

Sovana


Sovana è piccola come borgo, ma le cose da vedere sono veramente tante, per cui prendetevi il tempo necessrio.

La visita di Sovana comprende la Rocca Aldobradebsca, il Palazzo Pretorio, il Palazzetto dell'archivio (se aperto), la Cattedrale e la chiesa di Santa Maria Maggiore e prende almeno due/tre ore.

Visitare la necropoli di Sopra Ripa e quella della Tomba Ildebranda ... altrettanto.

L'ideale è quindi dividere in due la giornata, magari pranzando in uno dei locali tipici di Sovana stessa.

Al mattino, con il fresco e la luce giusta, si va per tombe etrusche, al pomeriggio si visita il borgo storico.

Per i parcheggi, pur non essendo tanti, normalmente non ci sono problemi ... ricordatevi che sono a pagamento per i non residenti.

Segnaliamo però che nei giorni da bollino nero, ovvero il lunedi di Pasquetta, il 25 aprile ed il 1 maggio qualche difficoltà è possibile, ma il problema è comune a tutti i borghi storici.

Sovana


Mi ricordo ancora nititamente la prima volta che venni a Sovana.

Eravamo andati a trovare la cugina di mia mamma che abitava nella casa adiacente al Palazzo Pretorio ... e pioveva a dirotto.

Un dettaglio era l'estate del 1967.

All'epoca sia le strade che le piazze erano in sterrato e il fango era dappertutto.

Avevamo una Fiat Bianchina familiare che, per quel periodo, non era poi così scarsa ... scritta "Necchi" a parte.

Babbo in Bianchina

Ado Bonacorsi (mio Babbo) alla guida della Bianchina ... ed il giovane accanto non sono IO

Dopo tutti quest'anni forse la principale modifica è proprio questa: le strade e le piazze non sono più in sterrato.

Sovana Sovana


E' vero sono cambiati le tipologie dei negozi presenti e sono stati realizzati diversi hotel, ma la struttura del paese e dei suoi palazzi è immutata.







Il meteo in Maremma





maremma.name
Tu sei il nostro



visitatore dal 31/07/2010



oggi su acpb sono state viste ... pagine


Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto

e per restare in contatto con noi seguici su








Maremma.name è pubblicato con
Licenza Creative Commons

































Sovana